Benvenuti a ... V di Verdura!
Un nome sicuramente particolare per un blog, ma che farà già capire quale sarà l'argomento principale dei suoi post.
Questo non sarà un blog di cucina come gli altri, poichè sarà trattato in maniera quasi univoca l'argomento delle verdure.
Tutti sappiamo quanto sia importante assumere giornalmente almeno due porzioni di verdura, ma quanti di noi lo fanno realmente?
Io per prima devo ammettere che consumo le verdure solo se costretta.

Ma se si odiano le verdure, qual è il modo migliore per aiutarsi ad assumerle?
Per quanto mi riguarda credo di avere trovato la soluzione: devo camuffarle!
Infatti, se qualcuno mi mette davanti un piatto di spinaci bolliti non posso fare a meno di storcere naso e bocca, ma se mi si piazza davanti un bel risotto agli spinaci, il discorso cambia notevolmente.
Sto riuscendo ad attirare la vostra attenzione?
In pratica in questo blog inserirò solo ricette di piatti a base di verdure, o al limite ortaggi, che saranno rielaborati in modo da consentire anche a chi, come me, odia le verdure di poterle mangiare senza pensare di stare a fare un grosso sacrificio.
Chiamamole pure RICETTE FURBE!
Queste ricette potranno essere utilizzate per far mangiare ad es. le verdure anche ai bambini, i quali, normalmente, fuggono davanti a tutto ciò che è verde e si mangia.
Volete seguirmi in questa avventura?
Ah, se proprio non riuscite a mangiare la verdura, neanche come ve la presenterò nelle mie ricette, passate a dare un'occhiata all'altro blog che curo
Dolci idee e non solo, lì troverete tante altre ricette (non solo di verdure) dall'antipasto al dolce!

lunedì 21 maggio 2012

Risotto alle mazzancolle, peperoni e zucchine

(Informazioni tratte da Wikipedia e dalla rete)
Capsicum L. è un genere di piante della famiglia Solanaceae, originario delle Americhe e attualmente coltivato in tutto il mondo.
Oltre al noto peperone, il genere comprende varie specie di peperoncini piccanti, ornamentali e dolci.
Secondo alcuni, il nome latino "Capsicum" deriva da "capsa", che significa scatola, e deve il nome alla particolare forma del frutto (una bacca) che ricorda proprio una scatola con dentro i semi.
Altri invece lo fanno derivare dal greco kapto che significa mordere, con evidente riferimento al piccante che "morde" la lingua quando si mangia.
Il peperoncino piccante era usato come alimento fin da tempi antichissimi. Dalla testimonianza di reperti archeologici sappiamo che già nel 5500 a.C. era conosciuto in Messico, presente in quelle zone come pianta coltivata, ed era la sola spezia usata dagli indiani del Perù e del Messico.
In Europa il peperoncino giunse grazie a Cristoforo Colombo che lo portò dalle Americhe col suo secondo viaggio, nel 1493.
Il frutto venne chiamato peperone a causa della somiglianza nel gusto (sebbene non nell'aspetto), con il pepe, Piper in latino. Il nome con il quale era chiamato nel nuovo mondo in lingua Nahuatl era chilli o xilli, e tale è rimasto sostanzialmente nello spagnolo del Messico e dell'America Centrale (chile) e nella lingua inglese(chili)
Il Capsicum annuum è un arbusto perenne a vita breve che, in condizioni di clima sfavorevole, viene coltivato come annuale. Le piante si presentano sotto forma di cespuglio alti da 40 a 80 cm (a seconda della specie) con foglie di colore verde chiaro. I fiori hanno la corolla bianca avente da 5 a 7 petali con stami giallo tenue. Le altre specie hanno portamenti diversi. 
Tutte le specie possono essere coltivate anche in un balcone, seminando verso febbraio al centro sud e marzo al nord, mentre i frutti si possono raccogliere in estate e in autunno. Questi andrebbero usati subito dopo la raccolta affinché non perdano le loro proprietà, ma si possono conservare anche sott'olio o in polvere (dopo averli fatti seccare al sole), oppure congelandoli.
La semina avviene in febbraio-marzo, a seconda del clima, possibilmente in ambiente riscaldato a temperatura di circa 25-30 °C, con composta da semi, ½ torba e ½ sabbia. Alcune varietà, soprattutto i C. chinense e il chiltepin, hanno lunghi tempi di germinazione. Questi possono essere ridotti con una corretta concimazione, e una temperatura della composta di 30-35 °C di giorno, e circa 20 °C di notte. Allo spuntare della seconda coppia di vere foglie, si ripicchettano le piantine in contenitori singoli, per poi mettere a dimora dopo le ultime gelate, e comunque quando la temperatura notturna non scende sotto i 15 ° C (aprile - maggio).
Il terreno dev'essere sciolto, acido, ben drenato con una buona componente sabbiosa, non troppo fertilizzato: un uso eccessivo di nitrati porterebbe a bellissime piante fogliose, con pochissimi o nessun fiore, e quindi frutti.
Al contrario di quanto si pensa, il peperoncino ha bisogno di molta acqua durante la coltivazione, senza però creare ristagni. Per aumentare il gusto piccante dei frutti, basta diminuire le innaffiature, anche azzerandole, nelle 48-72 ore precedenti la raccolta, stando attenti a non far morire la pianta. Un'altra tecnica è quella di annaffiare solamente quando le foglie si sono abbassate, un chiaro indice di scarsità d'acqua.
Per favorire la maturazione dei frutti, si può aumentare il tenore di potassio del terreno, ad esempio con del solfato di potassio.
C. chinense richiede molto calcio, che può essere aggiunto tramite farina d'ossa o equivalente. Quando la pianta ferma la crescita e le nuove foglie avvizziscono, è un indizio della carenza di calcio.
Essendo perenni a vita breve, possono essere fatte svernare in casa, in una posizione calda e assolata. Devono essere portate all'interno o in serra quando la temperatura di notte scende sotto i 10 °C (le tropicali, sotto i 15 °C), mentre di giorno possono essere portate fuori se la temperatura si mantiene sopra i 15-20 °C. D'inverno le piante possono perdere le foglie, e necessitano una potatura per lo meno dei rami secchi in marzo.

Vi riporto ora i valori nutrizionali di 100g di peperoni crudi.

ENERGIA (calorie)                           22 Kcal ovvero 92 Kjoule
Parte edibile                                           82%
acqua                                                   92,3g
carboidrati                                             4,2 g
grassi                                                      0,3g
proteine                                                  0,9g
fibre                                                        1,9g
Passiamo ora a questa ricetta ricca e gustosissima che può essere mangiata anche da chi è a dieta perchè, a parte un pò di olio e di burro, non ci sono grassi che possano danneggiare alla linea.
Ancora una volta però devo ammettere di aver litigato con la macchina fotografica, come vedete mi sono venute fuori solo foto appannate, da cosa? Boh!!!

Ingredienti:
320gr di riso per risotti
400gr di mazzancolle
1 peperone rosse e 1 peperone giallo
2 zucchine
olio evo q.b.
una noce di burro
1 bustina di zafferano

Procedimento:
pulire le mazzancolle, serbando i gusci e le teste che saranno usati per preparare il brodo per il risotto.
In una pentola capiente mettere: mezza cipolla, 1 carota tagliata a tocchetti, un gambo di sedano, 3 pomodorini tagliati a metà, un ciuffo di prezzemolo, il contenuto di una bustina di zafferano, sale e gli scarti delle mazzancolle (gusci e teste), coprire a filo con acqua e cuocere una mezzoretta circa.
Intanto che il brodetto cuoce, sciacquare ed asciugare i peperoni e metterli in forno per mezz'ora a 180° (dopo sarà facilissimo spellarli!). Trascorsi trenta minuti spegnere il forno, tirare fuori i peperoni e coprirli con l'alluminio e lasciarli così per una decina di minuti, dopodichè tirarli fuori e spellarli, togliere la parte bianca interna e i semi ed infinie tagliarli a listarelle.
Versare 20gr circa di olio in una padella e cuocere i peperoni e le zucchine tagliate a rondelle sottili. Dopo qualche minuto (5/7  circa), aggiungere prezzemolo, sale, pepe e le mazzancolle, far cuocere solo per 2/3 minuti, dopodichè spegnere il fuoco.
In una casseruola, sciogliere una noce di burro e versarci dentro il riso. Lasciare tostare per un paio di minuti, sfumare con il vino bianco ed una volta evaporato, bagnare con il brodo di gusci di mazzancolle (precedentemente filtrato). 2/3 minuti prima di spegnere il fuoco, aggiungere il sughetto di peperoni  ed ultimare, così. la cottura delle mazzancolle.
Non c'è bisogno di mantecare con altro burro. Malgrado le foto, vi assicuro che questo risotto è buonissimo!

La foto è pessima lo so, ma non riesco a fare di meglio purtroppo!

19 commenti:

  1. Buonissimo questo risotto un post ben fatto! ciao

    RispondiElimina
  2. interessanti notizie..e ottima ricetta!
    le foto non importano...io sono di quelle che bada al contenuto...guarda un po' le mie haha!!
    ciaoo

    RispondiElimina
  3. complimenti per la ricetta molto buona complimenti

    RispondiElimina
  4. che buono ...mi fai venire l'acquolina in bocca .... ciao carissima un bacio

    RispondiElimina
  5. Complimenti per questo blog, notizie interessanti e grandi ricette!

    RispondiElimina
  6. Ti ringrazio tanto per aver visitato il mio blog ed esserti aggiunta tra le persone che ogni giorno mi seguono annotando o postando commenti. È sempre bello conoscere nuove persone e soprattutto leggersi a vicenda! E per questo che sono felice di seguirti e ricambiare l’interesse nel leggere le tue ricette!

    Ma hai due blog?

    RispondiElimina
  7. V di Verdura??? Ma questo nome è bellissimo!! :)
    e anche il tuo blog, brava davvero! Ottimi i consigli e le notizie, così come le ricette!
    anche io sono una fan delle verdure e non le faccio mai mancare in tavola, amo soprattutto cucinarle al vapore..guai a friggerle (almeno per i miei gusti)
    ti seguo :)
    passa da me se ti va...a presto!

    RispondiElimina
  8. Che buono questo risotto, magari anche solo con le verdure! ciao!

    RispondiElimina
  9. verdure e mazzancolle, mi piace l'abbinata e il colore!

    RispondiElimina
  10. Ha un'aspetto veramente invitante questo risottino.....bacini

    RispondiElimina
  11. ma che bontà!!! come del resto altri piatti sul tuo blog (Ho già dato una SBIRCIATINA!!!)
    Mi sono anche iscritta tra i tuoi followe, così continuerà a leggerti...se ti va, puoi fare lo stesso sul mio blog di cucina!!
    Ciao

    RispondiElimina
  12. Mie care, grazie mille per i vostri commenti tanto carini. Angelica, ebbene sì ho due blog, ma quello che curo con più costanza è "Dolci idee e non solo". Evelin e Silvia: sono già passata e mi sono unita ai vostri lettori fissi. Complimenti per i vostri bellissimi blog. Un bacio e... a presto!

    RispondiElimina
  13. Il risotto mi piace tanto..fatto in questa maniera è davvero ottimo.
    Buona serata .
    Inco

    RispondiElimina
  14. v di verdura è senz'altro un blog per me che non mangerei altro, mi piace tutta e in tutti i modi! Interessanti informazioni1 Grazie. Un bacio e a presto

    RispondiElimina
  15. Un'ottima ricetta! Complimenti per il blog! Mi sono unita ai tuoi lettori fissi. Ciao

    RispondiElimina
  16. Adoro tutti i risotti del mondo....li farei ogni giorno...e questo te lo copio!

    RispondiElimina
  17. Ciao, grazie per il pensiero che hai lasciato sul mio blog, anch'io da oggi sono tua sostenitrice! Adoro le verdure e mi piace sperimentarle in preparazioni sempre nuove e saporite, sono certa che qui troverò tante idee salutari e sfiziose! ^_^ Complimenti anche per la cura che dedichi ai post che scrivi!

    RispondiElimina
  18. Pensa che io fino a l'anno scorso non potevo mangiare gli adorati peperoni perché non li digerivo, ma da quando ho scoperto che non hanno praticamente calorie, ne mangerei a chili e forse ho trovato il metodo per farmi passare questa maledetta intolleranza!! :)
    Buonissimo questo risotto, anche solo con zucchine e peperoni è eccezionale! :)

    RispondiElimina
  19. Complimenti..ottima ricetta!

    RispondiElimina